December 24, 2017

Please reload

Post recenti

IL BENESSERE PSICOLOGICO

December 24, 2017

1/1
Please reload

Post in evidenza

INCREDIBILE ME! 2° incontro

2 INCONTRO: CHE COSA SO FARE?

 

Un altro bel sabato passato insieme ai vostri bambini, in compagnia di Erberto, il lumacone buono a nulla che ha scoperto di avere, in realtà, un grande talento che lo distingue dagli altri animali.

 

Il gruppo si è arricchito di nuovi bambini.

Nuovo libro, nuovo incontro, nuova tappa da segnare sul nostro percorso!

 

 

 

 

Siamo partiti dalle domande “Vi è mai capitato di dire: questa cosa non la so proprio fare!?”, “Quali emozioni si provano nel rendersi conto di non essere capaci?”, “che cosa so fare?” e “che cosa non so fare?”. Abbiamo scoperto che i bambini sono molto più capaci degli adulti nel riconoscersi delle competenze. Molto più difficile per i bambini accettare di non saper fare qualcosa. Affermare di essere capace, però, è molto diverso dal sentirsi autenticamente capace. A volte è proprio la convinzione di essere capaci a fare qualcosa e di dover esserlo a-tutti-i-costi, che genera un’ansia da prestazione che preclude la possibilità di apprendimento. “Non posso ammettere di non essere capace perché l’incompetenza coincide con il valore di me; quindi evito situazioni in cui potrei esporre agli occhi altrui il mio non saper fare”. L’accettare, con serenità, di non saper fare, al contrario, apre nuove possibilità.

Timidamente una bambina ha ammesso di non saper cantare tanto bene; e questo ha aperto la possibilità di pensare che non è così male pensarsi come “mancanti”, che questo non coincide con il non essere di valore, che le mancanze sono possibilità di miglioramento, che è bello poter dire tranquillamente “Non sono capace a fare questo, però sono molto capace a fare questo”, “Io so fare questo e tu questo”. Il sentirsi capaci è solo una delle dimensioni dell’autostima; in termini tecnici si parla di autoefficacia. Mentre l’autoefficacia ha a che fare con il sentirsi-capaci-a-fare, l’autostima, costrutto più complesso, ha a che fare con il sentirsi-di-valore. L’autoefficacia è un ingrediente fondamentale dell’autostima.

Nel corso dell’incontro si è ammorbidita la visione di sé dei bambini ed è stato possibile ammettere delle aree di non competenza, facendo emergere così il desiderio di voler diventare capaci, di volersi migliorare.

 

 

 

Riprendendo la storia di Erberto, abbiamo costruito tanti orticelli in cui ogni bambino ha posizionato la propria lumachina e ha attaccato, scegliendo tra figurine prestampate, o disegnato i propri talenti specifici (“Io so dormire da sola con la mamma!”), ricordando che a volte i talenti sono più nascosti, sotto terra come le carote, a volte sono ben evidenti e crescono rigogliosi; in ogni caso, come le verdure, vanno coltivati!

 

A volte è necessario che qualcun altro ci aiuti a scoprirli, oppure serve che la luce della luna li illumini, come è accaduto ad Erberto.

 

 

L’esperienza concreta, più delle parole, aiuta i bambini a vedere con i propri occhi che quello che si dice è vero e sperimentabile. Anche la scia di Vinavil sul foglio non si vede, è trasparente;  ma spargendo sopra dei brillantini si crea una scia luccicante e luminosa! Incredibile, no?!

 

Noi umani non lasciamo la scia come la lumaca, lasciamo traccia di noi con i piedi e con le mani. E allora lasciamo anche noi questa scia!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
  • w-facebook

SOCIAL

Sede di PADOVA:

Via Guido Reni, 4
35133 Padova, Italia

(fermata TRAM • SAN CARLO zona Arcella)

Sede di CAMPODARSEGO:

Via Kennedy, 5

35011 Campodarsego (PD)

ass.liberilegami@gmail.com

PUOI TROVARCI IN SEDE

Tutti i giorni su appuntamento

INDIRIZZO

Tel. +39 3891794761

Associazione Liberi Legami

© 2017 by associazione liberi legami

Logo Liberi Legami Padova