December 24, 2017

Please reload

Post recenti

IL BENESSERE PSICOLOGICO

December 24, 2017

1/1
Please reload

Post in evidenza

IL BENESSERE PSICOLOGICO

December 24, 2017

Cos’è il Benessere Psicologico?

 

 

 

 

Sembra un concetto molto sfumato e allo stesso tempo qualcosa di troppo familiare per essere tradotto in parole, un vissuto estremamente personale che sfugge a ogni tentativo di definizione. 

Che cosa si nasconde dietro allo "Sto bene", "Non sto bene"? 

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha incluso il benessere psicologico nel concetto di salute. Secondo la definizione dell’OMS, infatti, il benessere psicologico è quello stato nel quale l'individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali per rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, adattandosi costruttivamente alle condizioni esterne e ai conflitti interni.

 

Il benessere psicologico è quindi un concetto multidimensionale e multisfaccettato, è un "punto alto" a cui ognuno aspira e tenta di raggiungere per tentativi attraverso esperienze soggettive che nel tempo si sono rivelate utili a produrre benessere, piacere, soddisfazione; esperienze soggettive in cui ci si prende cura di sé. 

Ma ci sono momenti in cui lo stato di benessere si incrina e in cui ci si dimentica, a causa di eventi esterni soverchianti e stressanti, di prendersi cura di sé.

 

L'Associazione Liberi Legami mette al primo posto la promozione del benessere psicologico e la prevenzione del disagio, partendo dal presupposto che il benessere si costruisce nelle relazioni: relazioni familiari, amicali, di coppia, lavorative, ma anche relazioni terapeutiche; legami "liberi" in cui ciascuno trova il proprio spazio per esprimersi e, allo stesso tempo, appoggio sicuro e arricchimento in un dare-avere che genera un circolo virtuoso di benessere. 

 

L'Associazione Liberi Legami si propone come "spazio altro" in cui potersi prendere cura del proprio benessere, in cui poter riflettere in modo altro, grazie all'Altro e con l'Altro (sia esso un professionista o un gruppo di Altri) sul proprio modo di costruire e costruirsi nelle relazioni e sulla possibilità di sperimentarsi e guardare a sé e al proprio mondo relazionale in modo nuovo. 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici